• Nutrirsi per aiutare la nostra salute orale

    Nutrirsi per aiutare la nostra salute orale

    L’igiene orale, che altro non è che lavarsi i denti nel modo corretto, è responsabile ancora oggi in Italia come nel mondo della maggior parte delle carie presenti nei nostri pazienti. Se vi piacciono i numeri sappiate che il 77% dei soggetti con cattiva igiene orale presenta carie a fronte del 37% che presenta carie con una buona igiene orale. Quindi il doppio delle probabilità. Non male direi. Ma dato che sono consapevole che con due numeri e dieci righe scritte sul blog non riuscirò a convincere chi non si lava i denti a prendere in mano uno spazzolino e cominciare a prendersi cura della propria bocca, cambierò direttamente discorso.

    Parlerò di cibo.

    Comunque bisogna nutrirsi e tanto vale farlo in un modo che sia di aiuto anche alla nostra salute orale. Anche in questo caso il paradigma è cambiato; alcuni anni fa abbiamo parlato di come certi cibi fossero dannosi per la nostra salute orale e aumentassero il rischio di carie. Oggi voglio introdurre il discorso sui cibi che possono essere un alleato per tutelare la salute orale.

    Dobbiamo lavarci i denti almeno 20 minuti dopo che abbiamo mangiato in modo da contrastare i batteri che favoriscono la carie e evitare meccanismi di corrosione della superficie dei denti. E se non possiamo lavarci i denti dopo ogni pasto? A questo punto ci viene in aiuto il cibo che può essere un valido strumento per neutralizzare l’acidità e rimuovere mentre si mastica i residui zuccherini e appiccicosi che promuovono l’erosione dello smalto.

    Bisogna privilegiare i cibi che hanno azione protettiva, elevata consistenza che richiedono masticazione vigorosa e che non producono fermentazione acida nel cavo orale.

    Bisogna capire cosa mangiare, quando mangiarlo e come combinare i cibi tra loro in modo adeguato.

    Ci sono alimenti cariogeni come agrumi, cereali, bevande dolci che possono favorire l’insorgenza e lo sviluppo della carie ma solo in presenza di placca batterica. Questi cibi vanno consumati insieme a cibi protettivi.

    Ci sono alimenti anticariogeni come il latte, i formaggi stagionati e la frutta secca che contrastano la formazione della carie favorendo la crescita di batteri benefici.

    Ci sono cibi cariostatici come carne, pesce, uova e quasi tutte le verdure. Questi cibi, anche in assenza di adeguata igiene orale aiutano a proteggere i denti. Cibi cariogeni e cariostatici sono perfetti per uno spuntino o a fine pasto.

    Sul Blog trovate le immagini della piramide alimentare (elaborata presso il Dipartimento di Scienze Biomediche per la Salute dell’Università degli Studi di Milano che vi può essere di grande aiuto.

    Sul nostro sito Facebook invece troverete le ricette veloci, sane e gustose dello Studio Rossini Odontoiatri.

    piramide odontoalimentare

    Lascia un commento →

Lascia un commento

Elimina commento

Photostream